Anche quest’anno parte la nuova edizione del CHEAP Festival di Bologna, evento annuale di Street Poster Art, che vede la partecipazione di artisti affermati ed emergenti, in particolare street artist, ma anche illustratori, grafici, fotografi e tutti coloro che si occupano di arti visive. Le opere selezionate, che devono essere presentate entro il 1 maggio, verranno stampate e installate a paste up sulle bacheche del circuito CHEAP on Board in giro per Bologna. Per leggere il bando completo, clicca qui.

FRAMMENTO / UNITÀ – parte e tutto, goccia e marea è Il tema della sesta edizione del CHEAP Festival, metafora delle «nostre società, sempre più frammentate in singole atomizzazioni sociali, culturali, economiche. Sottoposte ad una parcellizzazione che avvertiamo come limite capace di innalzare confini e disegnare conflitti, in grado di contrapporre singole soggettività e di trasformarle in elementi pronti alla collisione, poli carichi di tensioni negative, ricettacoli di violenza, occasioni di nichilismo. Individualismo, populismo, omologazione, isolamento sembrano essere le risposte più immediate e scontate». E gli stessi poster si configurano come singole parti di un’unità collettiva.

La sfida lanciata dal CHEAP Festival è proprio questa: dimostrare cosa significa essere singoli all’interno di un contesto plurale, superando quindi la frammentazione in favore di nuovi scenari e prospettive di ricomposizione deframmentata. Lo si può fare adoperando diverse tecniche artistiche: grafica vettoriale, illustrazione, fotografia, collage, rigorosamente in bianco e nero (è sottointesa la scala di grigi). Per chi invece volesse seguire in prima persona lo svolgimento del CHEAP Festival, è possibile far parte della crew partecipando al CHEAP Street Camp, in modo da poter apprendere le tecniche del paste up e contribuire all’organizzazione degli eventi in programma, nonché quelli collaterali.

A breve usciranno le date ufficiali del CHEAP Festival. A chi piace la street art non può farsi sfuggire l’occasione di camminare per le vie di Bologna e lasciarsi conquistare dalle suggestive opere in bianco e nero appese ai muri. Il fascino di Bologna è legato anche a questo: i disegni, le scritte e i murales sparsi per la città, carichi di sentimento e partecipazione. In particolare si possono citare i graffiti in zona Università e al suo interno (piazza Verdi/via Zamboni).

 

Link utili:

CHEAP Festival: www.cheapfestival.it

Per gli artisti: artisti@cheapfestival.it

Per il CHEAP Street Camp: festivalcheap@gmail.com

 

Foto di copertina tratta dal sito del CHEAP Festival

Foto interne realizzate dall’autore dell’articolo, relative alla scorsa edizione del CHEAP Festival, dal tema DISORDER, PLEASE

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *