Cultura Diritti Consumi Editoriali |

Il Weekend della Blu

Stefania Magnisi
redazione

In piazza San Babila l’installazione artistica firmata Museo della Permanente e Casa della Cultura

 

Sei giovani artisti della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, insieme a sette grandi figure della cultura e del pensiero contemporaneo. Sono questi i protagonisti di “Movimento/Segno/Idea”, l’installazione artistica firmata da La Permanente e la Casa della Cultura, che si è “aggiudicata” il cantiere metro di Piazza San Babila, nell’ambito del concorso lanciato dalla Società M4, insieme al Comune, per la qualificazione visiva delle cesate che perimetrano le aree di costruzione della nuova linea Blu.

L’installazione, montata in data 6 ottobre nell’ambito del “Weekend della Blu”, rappresenta un piacevole esempio di qualificazione visiva urbana volto a dare un tocco artistico alle opere di ristrutturazione civica necessaria per rendere la Città Metropolitana di Milano sempre più proiettata in uno scenario europeo, in special modo dal punto di vista dei servizi. I numeri della sostenibilità in termini di mobilità che deriveranno dalla costrizione della nuova linea Blu, contente un tracciato di circa 15 km che mette in comunicazione la parte Est della città con quella Ovest, saranno di circa 30 milioni di spostamenti in meno all’anno su ruote e di conseguenti 16 milioni di tonnellate in meno di combustibile utilizzato.

I lavori per la miglioria delle infrastrutture cittadine saranno decorati nel corso del “Weekend della blu” dalle colorate opere dei sei giovani artisti, soci della Permanente e laureati all’Accademia delle Belle Arti di Brera (Erika Bellanca, Giulia Lazzaron, Chiara Pagliari, Melisa Pirez, Daniel Sheytanov e Vincenzo Zancana), che affiancheranno  i loro lavori a ‘citazioni visive’ di figure come Sartre, Pasolini e Eco, tutti, negli anni, relatori alla ‘Casa della Cultura’, nella sua storica sede di via Borgogna 3, a pochi passi dall’installazione.

la completa operatività della linea è prevista per il 2022 e la sua ultimazione consentirà al capoluogo lombardo di confrontarsi alla pari con altre capitali europee anche dal punto di vista dei trasporti.

Stefania Magnisi


in Consumi, 06/10/2017