Cultura Diritti Consumi Editoriali |

VEGANS' IN THE CITY

Giulia Zaninelli
redazione

Il 1° Novembre si terrà la 24esima Giornata mondiale vegana: ecco due classifiche che ci porteranno alla scoperta delle città più vegane del Belpaese e dell’intera Europa, mentre torna il MiVEG a Milano nei giorni 28 e 29 Ottobre 2017

 

Nel 2017 si è assistito ad un vero e proprio boom della dieta vegana e sempre più persone decidono di seguire questo tipo di alimentazione. L’offerta nelle città è sempre più variegata e si sta assistendo ad una vera e propria rivoluzione culinaria in tutt’Europa. L’Italia non fa eccezione e sebbene vi siano regioni in cui l’offerta di cibo vegano è minore, non si può ignorare la sempre più massiccia presenza di ristoranti, bar, paninoteche ed eventi dedicati a questa nuova tendenza.

Secondo i dati Eurispes 2017 il numero di italiani che nel 2017 dichiara di aver eliminato carne dalla sua dieta quotidiana è pari al 7,6% della popolazione: il 4,6% degli italiani è vegetariano e il 3% è vegano. Le motivazioni di queste scelte sono molteplici ma si possono inquadrare fra la ricerca di una dieta più salutare e una maggior presa di coscienza del modello industriale di produzione alimentare.

A partire da queste cifre, Holidu, il sito per il confronto di prezzi di case vacanza, ha pubblicato un comunicato stampa in cui ha stilato la top 10 delle città più vegan-friendly d’Italia, tra queste alcune conferme ma anche molte sorprese. I dati presenti in questa indagine sono stati raccolti in maggio 2017 da Happy Cow, sito specializzato in alimentazione vegana. Per questa classifica si è scelto di calcolare il rapporto tra il totale della popolazione cittadina ed il numero di ristoranti o locali con offerta vegana.

In fondo alla classifica troviamo Genova e Bari, città marittime con una forte tradizione culinaria legata al pescato, ma che si sono arricchite col tempo di variazioni sempre più elaborate di piatti a base di cereali, legumi e verdure. Roma si piazza all’ottavo posto dimostrando di essere molto affezionata alla tradizionale cucina capitolina, ma pronta ad assecondare il trend vegano con una variegata scelta di locali, bar, ristoranti e supermercati dedicati. A sorpresa Milano si colloca al settimo posto confermando la sua natura più internazionale e attenta alle mode del momento, ma costringendo milanesi e turisti a qualche peripezia per scovare prodotti vegani. A questo punto della classifica troviamo Verona e Padova, rispettivamente sesta e quinta, nelle quali è aumentata la richiesta di cibo vegano grazie alla presenza sempre maggiore di turisti, italiani e stranieri, ma anche di studenti universitari. Per un soffio Firenze non entra nella Top 3 della classifica, ma la sua presenza certifica che la convivenza fra stili alimentari differenti, fra cibo vegano e fiorentina è possibile. Ai primi posti si collocano invece Bologna, Torino e Venezia che hanno saputo coniugare le proprie tradizione culinarie con il mondo vegetariano e vegano. La grande sorpresa di questa classifica è la regione Veneto rappresentata da ben tre città, Padova, Verona e Venezia.

Se la situazione italiana ritratta dalla classifica può destare stupore, non si hanno enormi sorprese da quella europea. Agli ultimi due posti della classifica si posizionano Londra, decima, e Oslo, nona, che possono però vantare un panorama culinario multiculturale molto sfaccettato e attivo, con festival, mercatini, street food attenti ai temi della sostenibilità e dell’alimentazione consapevole. A scorrere la classifica si incontrano Vienna e Praga, entrambe rinomate per la qualità della vita, ma in cui la scelta di cibo vegano è ancora un po’ limitata. I paesi del nord Europa si confermano all’avanguardia in questo settore con Stoccolma, Berlino e Copenaghen al centro della classifica. Festival, mercati, street food, eventi di ogni genere si alternano in queste città da sempre molto attente al tema dell’alimentazione alternativa. Lisbona si stabilisce al terzo posto e rappresenta una vera e propria sorpresa: la capitale portoghese vanta una forte tradizione culinaria legata al pescato alla quale si è unita ora una variegata offerta vegana. Al secondo posto si incontra Parigi, la “Venezia del nord”, che ha saputo coniugare la leggendaria cucina francese con ricette a base vegetale. Infine, sul podio si trova Amsterdam: la capitale olandese è ricca di locali, ristoranti, pub, supermercati ed eventi dedicati ai vegani.

L’offerta vegana è in continua crescita nelle grandi città che hanno saputo cogliere l’esigenza di cittadini e turisti sempre più attenti al tema dell’alimentazione e critici rispetto al modello industriale di produzione del cibo. Queste città dimostrano che filosofie alimentari e tradizioni culinarie differenti possono integrarsi arricchendo ulteriormente il panorama culinario cittadino.

MiVEG TORNA A MILANO

In autunno cadono le foglie ma fioriscono gli eventi a Milano. Sabato 28 e Domenica 29 Ottobre il MiVEG torna in città.

Il festival vegano MiVEG torna a Milano con un programma ricco di iniziative, buon cibo e una nuova location a pochi passi dal centro della città. L’evento si terrà Sabato 28 e Domenica 29 Ottobre presso gli East End Studios di via Mecenate. Al festival saranno presenti moltissimi espositori provenienti da tutt’Italia e si potrà degustare esclusivamente cibo vegano, privo di ingredienti di origine animale. Ci sarà anche spazio per espositori di pietanze senza glutine o crudiste per dimostrare che la scelta vegana non è necessariamente una rinuncia e che non ci sono limiti alla fantasia in cucina. Allo spazio bar ci sarà una selezione di birre artigianali, vini e dolci tutti senza ingredienti di origine animale.

Il programma è molto ricco e variegato. Nell’area conferenza verranno affrontati temi come l’antispecismo, la bioetica e il diritto, i santuari degli animali e i vaccini. All’area workshop ci saranno incontri con attivisti, scrittori, volontari presso i santuari degli animali e showcooking con degustazione. Al MiVEG c’è spazio anche per mostre ed installazioni artistiche che saranno presenti durante tutta la durata del festival. Infine è prevista la proiezione di un documentario intitolato Food ReLOVution di Thomas Torelli e sarà possibile incontrare i creatori della web serie Vegan Chronicles. È previsto anche un’area gioco per bambini.

QUANDO: Sabato 28 Ottobre dalle 10.00 alle 24.00 e Domenica 29 Ottobre dalle 9.30 alle 22.30

COSTO: L’ingresso al festival è completamente gratuito e si terrà anche in caso di pioggia essendo al coperto

COME ARRIVARE E ULTERIORI INFORMAZIONI: Visita il sito MiVeg.org

   

Giulia Zaninelli

foto di copertina: Gonews.it; foto all’interno dell’articolo: radicetonda.it; foto "nuova data MiVeg 2017" dal sito Miveg.org

si ringrazia Holidu per le informazioni e le infografiche sulle città più vegan-friendly in Italia e in Europa 


in Consumi, 23/10/2017