Cultura Diritti Consumi Editoriali |

Slums Dunk, il nuovo progetto in Zambia sta incominciando

Giulia Menegardo
Redazione

Sabato 28 gennaio abbiamo avuto un ospite speciale in Isola Store: Bruno Cerella, il giocatore di basket dell'Olimpia Milano

 

Sabato 28 gennaio abbiamo avuto ospite in Isola Store il giocatore dell'Olimpia Milano Bruno Cerella, fondatore dell'associazione Slums Dunk. Ebbene sì, amiamo le cose belle e sosteniamo chi si impegna per farle perché crediamo che il mondo di oggi abbia bisogno della Bellezza. 

Perciò sabato abbiamo inaugurato la vetrina del negozio dedicata ai nuovi prodotti Slums Dunk e sono arrivati un sacco di amici e appassionati di sport. In questa occasione Bruno ci ha raccontato del progetto che stanno realizzando in Zambia
 
 
Si tratta di un intervento iniziato nel 2016 nella città Ndola e zone limitrofe, con il fine di tutelare i minori e accompagnare bambini e ragazzi, che vivono in situazioni di disagio, nel reinserimento famigliare e sociale. Slums Dunk affianca e supporta Cicetekelo Youth Project, associazione che  sostiene più di 300 ragazzi e ragazze di età compresa tra gli 8 e i 22 anni, assicurando loro un'adeguata alimentazione, l'assistenza sanitaria e psicosociale necessarie ma non solo.
 
Slums Dunk, che da anni utilizza lo sport come linguaggio e mezzo di intervento, sostiene la scolarizzazione dei bambini e la possibilità di una formazione professionale per i giovani, e al contempo organizza attività ricreative e sportive per i ragazzi. Nello specifico, l'associazione intende migliorare le infrastrutture sportive (campo da pallacanestro e spogliatoi)  organizzare un team di operatori e allenatori e dare avvio ad una basketball academy per ragazzi tra i 9 e i 17 anni.
 
Così, nel luglio 2016, Bruno Cerella e Michele Carrea (allenatore Angelico Biella), insieme a un giovane giocatore piemontese, Matteo Mecca, e a un giovane allenatore tanzaniano, hanno effettuato un primo "basketball camp" a Ndola, avviando la formazione di 20 educatori locali in qualità di istruttori e preparatori tecnici per il basket.

Il progetto si propone di trasformare il centro CYP Nkwazi, situato all’interno dell’omonima baraccopoli, in un centro educativo e sportivo plurifunzionale ad accesso gratuito, che sia un punto di riferimento per bambini e giovani, nel quale poter trovare una casa nei casi di estrema necessità, degli amici e sicuramente un luogo sicuro nel quale imparare e giocare a pallacanestro. 

 
II progetto è in fase di avvio e promette molto bene, potendo già contare su un sostegno iniziale da parte del Gruppo CAP. Ecco la bellezza di cui volevamo parlarvi all'inizio: utilizzare lo sport per trasferire molto altro in un luogo e costruire opportunità in modo divertente per i più giovani.
 
Perciò, grazie a Bruno Cerella e a Slums Dunk per aver passato il pomeriggio con noi in @IsolaStore e averci raccontato la storia di un sogno che sta diventando realtà.
 
Giulia Menegardo
 
la foto d'apertura di Bruno Cerella è dell'autrice - 28/01/17 c/o @IsolaStore / Milano
le foto nel testo sono state gentilmente messe a disposizione da Slums Dunk Onlus


in Diritti, 01/02/2017